Anek Lines

Cenni storici

Anek Lines viene fondata nel 1967 sotto la spinta dei residenti della Prefettura di Chania, sull’isola di Creta. La decisione di fondare la compagnia ha origine nella tragedia della “Heraklion”, che affonda nel Mar Egeo con oltre 250 vittime tra i passeggeri, e rappresenta il desiderio dei residenti di Creta di rendersi indipendenti dagli armatori greci. Nel 1969 entra in servizio la prima nave della compagnia, la KYDON, sulla linea Pireo – Chania, la seconda città cretese. Nel 1973 la flotta si rafforza con due navi di provenienza “esotica”, le CANDIA e RETHIMNON, acquistate in Giappone dove sono state prodotte solo un anno prima. Questi due traghetti moderni spodestano la KYDON dalla linea di Chania, consentendole di inaugurare il nuovo servizio da Pireo per Heraklion, il capoluogo dell’isola di Creta. Nel 1978 la compagnia acquista la Argo, anch’essa di produzione giapponese, sebbene già operante in Grecia da qualche anno, e la rinomina KRITI. La nuova ammiraglia affianca la CANDIA sulla Pireo – Chania, mentre la RETHIMNON rende la linea di Heraklion a frequenza giornaliera. L’ammiraglia della flotta cambia ancora nel 1987 con l’ingresso in servizio della APTERA, acquistata in Giappone due anni prima, e ristrutturata col nome di “Chania”, che però non ha mai portato in servizio. Come d’abitudine la APTERA debutta sulla Pireo – Chania al posto della CANDIA, che passa a servire Heraklion; la KYDON invece inaugura una nuova rotta che collega Creta a Salonicco, la seconda città della Grecia. La linea di Salonicco dura fino al 1989, anno nel quale la KYDON lascia Anek Lines. L’Egeo si fa tuttavia troppo stretto per le ambizioni della compagnia cretese che nel 1989 lancia i propri servizi adriatici con la rotta Ancona – Igoumenitsa – Corfu – Patrasso. Per la linea internazionale arrivano ancora due navi dal Giappone, di dimensioni maggiori rispetto a quelle operate fino ad allora: la LISSOS, da 1.600 passeggeri , e soprattutto la LATO, un gigante di 187 metri di lunghezza e 25.460 tonnellate di stazza, nave più grande battente bandiera greca e seconda nel Mediterraneo solo alla Danielle Casanova di SNCM. I servizi adriatici si allargano anche al porto di Trieste nel 1991, quando la compagnia introduce la KYDON, che viaggia verso la città giuliana da Patrasso e da Igoumenitsa. Nel 1992 ANEK ottiene addirittura il primato di possedere la nave più grande del Mediterraneo quando introduce sulla Pireo – Heraklion la EL. VENIZELOS, acquistata in Nord Europa quando ancora in costruzione e terminata nei cantieri di Perama. Decisamente sovradimensionata per il traffico cretese, la nuova ammiraglia di ANEK nel 1993 prende il posto della LISSOS sulle linee adriatiche, con quest’ultima che affianca la APTERA sulla Pireo – Chania. Negli anni 1994 e 1995 Anek Lines offre anche un collegamento da Patrasso ed Igoumenitsa per Bari, operato dalla KRITI, affiancata nella prima stagione dalla KYDON. Nel 1995 la KYDON, finora utilizzata come ro/pax, viene ristrutturata ed arricchita, riprendendo servizio sulle linee di Ancona e Trieste come TALOS, a fianco di LATO ed EL. VENIZELOS. Nell’intenzione di controbattere Superfast Ferries, ANEK acquista in Giappone due ro/pax dall’ampia capacità cargo, le gemelle KRITI I e KRITI II, che nel 1997 prendono possesso della linea di Ancona, con cinque collegamenti settimanali per Patrasso e tre per Igoumenitsa; la KRITI originale invece lascia la flotta nel 1996. La riorganizzazione dei collegamenti porta EL. VENIZELOS e TALOS a servire Trieste, LATO e LISSOS sulla Pireo – Chania, APTERA e CANDIA sulla Pireo – Heraklion, con la RETHIMNON a disposizione. Nel 1999 ANEK forma un vero e proprio gruppo acquisendo il controllo delle compagnie Dane Sea Line, alla quale viene noleggiata la CANDIA, e della Lane Lines, cui viene conferita la TALOS; la Cretan Ferries, compagnia basata a Rethymnon ed operante sulla linea Pireo – Rethymnon, viene invece acquistata del tutto da ANEK, e l’anno successivo vedrà addirittura incorporare nella flotta le due navi ARKADI e PREVELIS. Il 1999, tuttavia, porta in dote un’ulteriore nave giapponese, la SOPHOCLES V., inizialmente rinominata “S. Venizelos”, nome col quale appare anche nel materiale pubblicitario relativo al suo inserimento sulla Trieste – Igoumenitsa – Corfu – Patrasso. Nel 2000 la linea di Trieste vede l’avvicendamento della EL. VENIZELOS, che passa alla linea di Heraklion affiancando la APTERA, con la LEFKA ORI, gemella della SOPHOCLES V., mentre la CANDIA e la RETHIMNON offrono collegamenti per le Cicladi e per Rethymnon in sostituzione della PREVELIS, noleggiata a Dane Sea Line. Nel 2000, tuttavia, debutta anche la prima nuova costruzione della compagnia di Creta, la OLYMPIC CHAMPION, che dopo aver passato l’inverno tra Pireo e Creta, nel 2001 passa a servire la Ancona – Corfu – Igoumenitsa – Patrasso, affiancata dalla gemella HELLENIC SPIRIT. Le gemelle KRITI I e KRITI II, rese libere dal servizio di Ancona, rimangono in Adriatico: la seconda passa a servire Trieste come terza nave a fianco di SOPHOCLES V e LEFKA ORI, la prima invece inaugura la linea Ravenna – Catania, operata solo per l’annata 2001. Nel 2001 lasciano la flotta anche le veterane CANDIA e RETHIMNON, con la fine del servizio per le Cicladi. Il 2002 vede una nuova riorganizzazione della flotta, con la EL. VENIZELOS che torna sulla linea di Trieste, al posto della KRITI II; questa, assieme alla KRITI I, opera sulla Pireo – Heraklion, mentre per Chania continuano ad operare LATO e LISSOS  e per Rethymnon APTERA e PREVELIS. Nel 2004 la compagnia lascia il porto di Trieste per Venezia; lo stesso anno la EL. VENIZELOS verrà noleggiata per l’estate a Tunisia Ferries, appuntamento che si ripete fino al 2011. Nel 2005 la APTERA viene venduta, lasciando la linea di Rethymnon in mano alla sola PREVELIS; nel 2007, tuttavia la linea verrà definitivamente chiusa, con la PREVELIS spostata a servire le Cicladi. Del 2007 è anche l’accordo con il gruppo Grimaldi, che entra nell’azionariato cretese per rimanerci fino al 2008. Nello stesso anno entra in servizio la nuova ELYROS, al fianco della LATO sulla Pireo – Chania; la nuova ammiraglia sostituisce la LISSOS, che invece dal 2008 al 2010 opera sulla Pireo – Chios – Mytilini, venendo poi venduta per demolizione ad inizio 2011. Nel 2008 opera per Anek Lines anche la ARIADNE, sostituendo per un consistente periodo la LATO sulla linea di Chania; successivamente, fino al 2011 copre i refit invernali della compagnia, venendo subaffittata per l’estate ad Algerie Ferries. Dal 2009 rientra in flotta la IERAPETRA L, alternata nei servizi per il Dodecaneso e l’Egeo orientale. Nel 2011 la crisi porta all’unione delle forze con Attica Enterprises, la compagnia madre di Superfast Ferries e Blue Star Ferries, principalmente per i servizi di Ancona ed Heraklion, dove le due compagnie operavano in concorrenza tra di sé e con Minoan Lines. Questa mossa porta al fermo di KRITI I e KRITI II, con OLYMPIC CHAMPION che passa a servire la linea di Heraklion. Nel 2012 le gemelle SOPHOCLES V. e LEFKA ORI lasciano la flotta, sostituite sulla linea di Venezia dalle KRITI I e KRITI II; la LATO, dopo 15 anni torna in Adriatico, impiegata tra Bari e Durazzo, sostituita dalla EL. VENIZELOS sulla Pireo – Chania, con la PREVELIS impegnata sulla Pireo – Cicladi – Creta – Rodi. A fine anno, la linea di Venezia verrà affidata stabilmente alle navi noleggiate all’estero: la prima è la CORAGGIO, raggiunta poi da FORZA; nel 2014 la CORAGGIO viene sostituita dalla AUDACIA, tutte e tre di proprietà del gruppo Grimaldi Genova. Tra il 2013 ed il 2014 rimane fuori dalla flotta anche la EL. VENIZELOS, noleggiata nel Mar Tirreno: la linea di Chania rimane quindi operata da LATO ed ELYROS, e nel 2014 la LATO viene sostituita dalla OLYMPIC CHAMPION, a sua volta rimpiazzata sulla linea di Heraklion dalla KRITI II. Di fine 2014 è la pagina più nera della storia della compagnia, col tragico incendio che devasta la NORMAN ATLANTIC, noleggiata dalla compagnia cretese per le sostituzioni invernali in Adriatico, causa anche di 13 vittime tra i passeggeri. Per il 2015, confermata ancora l’alleanza con Attica Enterprises, la compagnia schiera tra Grecia ed i porti di Ancona e Venezia HELLENIC SPIRIT ed OLYMPIC CHAMPION, oltre alla noleggiata FORZA; la linea di Chania per la prima volta vede ANEK operare con una sola nave, la ELYROS, affiancata da un’unita Blue Star Ferries, mentre la KRITI II serve la linea di Heraklion. Durante l’estate tornerà sulla linea di Chania la EL. VENIZELOS al posto di ELYROS, con PREVELIS stabilmente sulla Pireo – Cicladi – Rodi.

La Flotta attuale: 2 cruise-ferries High Speed, 6 cruise-ferries (1 charter), 1 ro-pax (charter)

Tipo Lato -> 25.460 tsl – 188m x 24 – 1200ml – 1600 pax

Lato (1987)

Tipo Stena -> 38.261 tsl – 176m x 29 – 1650ml – 2500 pax

El. Venizelos (1992)

Tipo Kriti -> 27.239 tsl – 192m x 29 – 1700ml – 1600 pax

Kriti I (1997) – Kriti II (1997)

Tipo Preveli -> 15.354 tsl – 142m x 23 – 900ml – 1600 pax

Prevelis (2000)

Tipo Fosen III -> 32.694 tsl – 204m x 26 – 2200ml – 1850 pax

Olympic Champion (2000) – Hellenic Spirit (2001)

Tipo Sunflower -> 32.623 tsl – 192m x 27 – 1940ml – 1875 pax

Elyros (2007)

Tipo Coraggio -> 24.950 tsl – 199m x 26 – 2650ml – 900 pax

Forza (2012, charter)

Tipo Hermes -> 29.378 tsl – 192m x 29 – 1760ml – 1600 pax

Kydon (2015, charter)