il mercato delle crociere in Asia tra Cina, Corea e Giappone

Tutte le testate specializzate stanno dando in questo momento grande risalto al momento di grande espansione delle crociere in Asia, cosa che realmente è in atto e le statistiche di fattibilità parlano che il solo 4% della pololazione cinese sarebbe sufficiente a coprire il mercato da qui al 2017 mentre con solo l’8 % si potrebbero soddisfare le esigienze commerciali di tutti gli operatori mondiali delle settore.  E’ evidente ad ogni modo che l’espansione mondiale prevede grossi investimenti di risorse e mezzi in questa area del globo e già le compagnie annunciano presenze sempre più massive, è di pochi giorni fa l’accordo di MSC con Cassia, che segue di pochissimo  NCL con la conferma del posizionamento di una classe Breackaway plus dal 2017, e di certo il gruppo Carnival già presente, precursore e leader del mercato non poteva stare a guardare con l’annuncio che alla quarta nave della Costa saranno affiancate una nave Carnival, pare la Miracle e una di Aida.

Ma che cosa significa tutto questo, quali sviluppi possiamo attenderci, e quanto la Cina diventerà i Caraibi di metà anni 2000 ancora non è dato sapere, ma di certo il “non made in china” piace tanto ai tanti passeggeri Cinesi in crociera, che spendono il loro tempo e denaro alla ricerca di brand esclusivi e situazioni totalmente estranee al loro mondo e modo di vivere.

noi, come sempre ci saremo a raccontare le nostre personali percezioni, e frattempo godiamo delle foto amatoriali che vengono da laggiù da quei porti lontani dove tutto è sempre più bello.

Aggiungi ai preferiti : permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *